Linee Continue

Serie di altorilievi e sculture modellate a mano principalmente con l’utilizzo di terra semi refrattaria, cottura
a 950°C o grès, cottura a 1290°C. La struttura a linea continua è formata da un elemento a sezione
quadrangolare che crea variazioni modulari con tensioni dinamiche. Le forme non hanno una base di
appoggio fissa.

«Nei primi anni Settanta, la ricerca dell’artista appare orientata a esplorare i termini di una spazialità auto-
generante indotta da una, plasticamente definita, Linea continua. La ceramica così ottenuta denuncia

un’ambiguità topologica: non ha frontalità, alto e basso, volumi chiusi; si protende piuttosto in una mobile ed
espandibile spazialità virtuale; ama configurarsi come nucleo formativo. Il gioco della virtualità dichiarata e
la negazione di un possibile rinvio a una simmetria speculare, da quel primo periodo, elementi riconoscibili
di molte opere di Leverone.» Adriano Leverone, presentazione di Vittorio Fagone. Genova, 1992.

Torna in alto